Anna Maria Fabbroni

Biografia

Toscana di nascita, vive a Gorizia dagli anni 60. Dagli anni 70 ad oggi ha vinto oltre un centinaio di premi nazionali ed internazionali (poesia, narrativa, teatro) I numerosi primi premi: ‘Leone di Muggia’ (TS), ‘Lyons club (MI), La Spezia, Siena, Maresca (PT), Benevento, Rovigo, Marina di Massa, Roma, Viterbo, Tivoli, Udine, Pieve di Cento, Pavia, Caserta, Potenza, Pistoia, Leonforte (EN), Massa Marittima (GR), il ‘Giorgio La Pira’ a Pistoia (2014), Torino, Milano, Gorizia, e 1° premio per la poesia Haiku 2018 e 2019 a Trieste ecc. Ha scritto racconti per ragazzi, di fantascienza, fantasy; articoli, recensioni, saggi, commedie; ha pubblicato 9 libri di poesie, racconti, favole e due commedie ‘Ma va’ all’Inferno! ’e ’Meglio di là?’ premiate nel 2019/20 a Castiglione di Sicilia -CT).
Fra gli ultimi libri: ‘Me lo ricordo come fosse ieri!’: una raccolta di commoventi interviste di ospiti centenari in diverse case di riposo con le loro storie personali intrecciate drammaticamente con la tragedia della Grande Guerra… ‘Il posto delle favole’: narrativa per ragazzi… e ‘Incomunicabilità’: raccolta di poesie (2° premio 2019 – Milano VJ Editore.
Ha partecipato a recital, serate letterarie, spettacoli, trasmissioni radiofoniche e televisive; alcune sue poesie sono state musicate e cantate; coreografate; tradotte in friulano, sloveno, croato, inglese e francese; inserite in Antologie, quotidiani e spettacoli teatrali; fatte oggetto di tesi di laurea. Ama dipingere e fare ceramica; ha esposto le sue opere in numerose mostre, personali e collettive con le varie associazioni di cui fa parte (T.Crali, Endas, Non solo blu, Mittelart…).
Dal 1999 fa parte degli “Attori per caso”: una dozzina di volontari che collaborano con il C.I.S.I. – un Ente pubblico della provincia di Gorizia che si occupa dei servizi per i disabili – ed insieme agli operatori e a questi ragazzi – ha iniziato la splendida avventura del Teatro, dove, oltre che a ‘recitare’ scrive o riadatta i testi, adeguandoli alle possibilità della loro specialissima compagnia … e tutto questo con un pizzico di autoironia, ma anche con tanto divertimento e soprattutto coinvolgimento affettivo.

Le opere - Photogallery

Torna su